Le QUALITA’ dell’ Istruttore Sportivo o del Maestro di Tennis.

images5

“Uno non è un Grande Allenatore quando fa muovere un Giocatore secondo le proprie intenzioni, ma quando Insegna ai Giocatori a muoversi per conto loro”. “L’ Ideale Assoluto che come tale non è mai raggiungibile, viene nel momento in cui l’Allenatore non ha più nulla da dire ai Giocatori perché sanno già tutto quello che c’è da sapere” Julio VELASCO

 Dopo il post sull’ “Ambiente Ideale per lo Sport dei Bambini” e quello sui “Maestri di Tennis in Italia” ho ricevuto alcune vostre email veramente “strane” su situazioni che alcuni di voi stanno vivendo e ciò mi ha convinto ad approfondire l’argomento.

 

Quali Requisiti deve avere un Maestro di Tennis o un Istruttore di Calcio, di Fitness o di qualsiasi altro Sport perché possa veramente essere un Insegnante Efficace?

 

Secondo me intanto dovrà essere un Istruttore che si considera veramente  un Professionista dell’Insegnamento e quindi, come tale, darà per scontato che conoscere solo la Tecnica e la Tattica dello Sport in questione non basta.

 

Nell’Istruttore Efficace, le Conoscenze Tecnico-Tattiche sono Sì acquisite ed aggiornate continuamente, ma quello che lo distingue dagli altri è la capacità di possedere un eccellente Attitudine all’ “Entusiasmo”.

Con questo concetto intendo dire che durante il suo lavoro è capace di esprimere continuamente Gioia e Soddisfazione in quello che fa ed in quello che cerca di trasmettere.

 

Un Istruttore Efficace è quello che sa creare un Clima Motivante ed un Ambiente Entusiasta provocando di conseguenza un elevato Coinvolgimento Emotivo da parte degli allievi.

 

Sia che si tratti di giovani, sia di adulti, ma anche di atleti di èlite, l’Atmosfera che sa creare è tale da Incoraggiare e Favorire l’Apprendimento stimolando negli allievi Autonomia e “Fiducia in Sé” .

 

L’ Istruttore Efficace è poi colui che sa “Sostenere” i propri allievi riconoscendo loro la possibilità di compiere errori.

Sa infatti che gli errori sono da considerare solo come momenti naturali ed indispensabili per un futuro miglioramento dei suoi allievi.

 

Sentirsi “Accettati” dal proprio Maestro o dal proprio Allenatore sapendo che si può anche sbagliare è fondamentale soprattutto per i giovani che si trovano ad affrontare i primi impegni agonistici di un certo rilievo.

 

Ancora: un Istruttore Efficace sa agire Stimolando Continuamente gli allievi a non essere solo degli Esecutori di gesti tecnico-tattici, ma riesce a farli “Esprimere” con Iniziativa e Creatività imparando lui per primo dagli allievi stessi.

 

Quindi, rispondendo anche alle domande che mi ha rivolto Marco in un commento di alcuni giorni fa, penso che come succede in tutti gli ambiti formativi, anche dalle Federazioni escono Allenatori ed Istruttori più o meno preparati e che le Facoltà di Scienze Motorie formano sicuramente degli ottimi Professionisti, ma alla fine il Modo di Porsi… di Atteggiarsi… di Comprendere… di Intuire…di Coinvolgere…di Saper veramente Trasmettere i “messaggi” che si vogliono dare… sono le Capacità che fanno e faranno sempre la Differenza tra un Istruttore Efficace ed uno Mediocre.

 

Avete qualche contributo da aggiungere sulle Vostre esperienze in proposito??

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo...
Ci sono 4 commenti per questo articolo
  1. Marco alle 17:49

    Ciao Gianni:
    Ho letto il tuo post e non posso che condividere tutto, inoltre, le parole di Julio VELASCO che hai riportato sono la sintesi che tutti gli allenatori e istruttori di qualsiasi disciplina dovrebbero condividere.
    Bisognerebbe andare sui campi di calcio o di tennis e sentire che ne pensano gli “operatori” che operano direttamente sul campo, sarei curioso!!!!

    • gianni alle 21:01

      Ciao Marco…io vorrei che invece si esprimessero e si informassero molto di più anche e sopratutto i genitori o gli iscritti “adulti” dei vari corsi sportivi .
      Probabilmente allora, …e solo allora, ..tutti noi “operatori” sportivi saremo costretti ad evolverci, ad aggiornarci e ad offrire sempre più professionalità a chi ci sta di fronte….

  2. keaton alle 20:04

    SONO UN FUTURO MAESTRO UISP .

    COSA POSITIVA METODO
    INSEGNAMENTO NETTAMENTE SUPERIORE A FIT ECT.

    PURTROPPO TROPPO AVANTI PER ESSERE COMPRESO.

    VELASCO CONFERMA LA NOSTRA FORZA

  3. gianni alle 22:06

    Ciao “Keaton”…credo che,
    indipendemente da quello che è possibilre ricevere dalla FIT, dalla Lega Tennis UISP, ecc…,
    l’importante sia riuscire ad “essere compresi” dagli allievi…bambini, ragazzi o adulti… sia principianti, sia che giochino a livello agonostico…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>